È uscita una breve biografia di Maggiorino Vigolungo. Scritta da don Carlo Recalcati, è l’ultima della serie nella Velar, l’editrice ormai classica nella diffusione di biografie di santi, beati e altri testimoni di vita cristiana esemplare.

Nel 2018 ricorre il centenario della morte di questo giovane apostolo della comunicazione, ed è anche l’anno del Sinodo dedicato ai giovani sul tema “I giovani, la fede e il discernimento vocazionale”. Un’occasione senz’altro provvidenziale per tutti noi per ricordare, quasi rispolverare, e divulgare la mirabile figura di questo aspirante alla vita paolina che in solo due anni è giunto a toccare le vette della santità, mosso dall’ideale proposto dal beato Giacomo Alberione e accolto con tutto il cuore, con tutta la mente e con tutta la volontà,

Dichiarato Venerabile il 28 marzo 1988 da san Giovanni Paolo II, per Maggiorino Vigolungo si è in attesa di un miracolo per sua intercessione, a sigillo dell’eroicità delle virtù riconosciute dalla Chiesa, miracolo che lo porterebbe alla beatificazione.

In un’epoca segnata dal disorientamento generale e dal relativismo morale, promossi spesso dai mezzi di comunicazione e dalle reti sociali, e da una grave crisi di valori, in particolare tra i giovani, la figura di Maggiorino Vigolungo può costituire un punto di riferimento qualificante per tanti adolescenti e giovani.

Egli infatti si propone come l’adolescente che trova il senso pieno della sua esistenza nell’ideale apostolico sulle orme di San Paolo, vissuto in gioia e semplicità, caratteristiche idonee a toccare il cuore della nostra gioventù.

Maggiorino Vigolungo rimanda, d’altra parte, all’esempio di dedizione di un direttore santo, quale fu il beato Giacomo Alberione, che operò con tutti i mezzi dello Spirito per aiutarlo nel cammino verso la perfezione evangelica e un apostolato moderno che vuole arrivare a tutti per portare a tutti la gioia del Vangelo.

Per richiesta copie, rivolgersi per posta alla Postulazione Generale della Famiglia Paolina, Via Alessandro Severo 58 – 00145 ROMA, oppure alla e-mail Este endereço de email está protegido contra piratas. Necessita ativar o JavaScript para o visualizar..

El sábado 2 de diciembre, en ceremonia presidida por Monseñor Enrique José Parravano, sdb, Obispo auxiliar de la Arquidiócesis de Caracas, el diácono José Ángel Torres fue ordenado sacerdote.

El acontecimiento estuvo a la altura de las expectativas y no era para menos: José Ángel es el primero de una nueva generación de paulinos venezolanos que, desafiando las circunstancias difíciles del país, se han dejado seducir por el carisma de don Alberione y dejan vislumbrar un futuro esperanzador para la Familia paulina. Un nutrido grupo de miembros de nuestra familia religiosa, de colaboradores y amigos, acompañó al P. José Ángel y a su familia en tan importante día. “Sencillamente hermosa y hermosamente sencilla” fue la apreciación que varias personas dieron de la ceremonia.

El otro momento celebrativo, aunque marcado por la sobriedad, fue alrededor de una deliciosa “carne en vara”, hecha según la costumbre de la tierra natal del neosacerdote, compartida en un ambiente de convivialidad y reiteradas muestras de aprecio hacia nuestra misión.

El pasado 25 de noviembre, bajo la mirada del beato Santiago Alberione, cuya fiesta adelantada celebrábamos, hemos festejado con mucha alegría a los siguientes hermanos Paulinos y a la Anunciatina que daban gracias a Dios por sus respectivos jubileos de ordenación sacerdotal o de profesión religiosa: P. Ricardo Ares, 60 años de ordenación sacerdotal; Hno. Julio Salinas, 60 años de profesión religiosa; P. Antonio Maroño, 50 años de ordenación sacerdotal; Hnos. Gabriel Aparicio y Urbano López, 50 años de profesión religiosa; Dª María Rosa Córdoba, 25 años de profesión.

El espléndido marco para la celebración de este entrañable acontecimiento festivo ha sido la Comunidad de Protasio Gómez. La celebración eucarística fue presidida por el P. Antonio Maroño y concelebrada por un buen número de sacerdotes. El Superior Provincial, P. Lázaro García, que pronunció la homilía, subrayó en ella tres momentos fundamentales en la vida consagrada de los festejados: a) agradecimiento a Dios por todos ellos, b) recuerdo-memorial del «sí» que han dado a la vocación paulina y, c) celebración y fiesta por su entrega y fidelidad a lo largo de estos años. Por su parte, el P. Antonio Maroño, en unas palabras que dirigió a la asamblea en nombre de todos los festejados después de la comunión, centró su alocución en dos palabras: gracias y perdón. Gracias a Dios, al beato Alberione a y los hermanos y hermanas de sus respectivas familias de sangre y de fe por todos los dones que de ellos habían recibido a lo largo de sus vidas. Y también perdón a los mismos por no haber llegado aún a ser tan buenos ni tan «santos» como todos, seguramente, esperaban y esperan de ellos.

Después de haber compartido el Pan de la Eucaristía, todos los allí presentes, entre los que había, al lado de los Paulinos, representantes de las diversas ramas de la Familia Paulina de Madrid, familiares, amigos y colaboradores, pudimos gozar de un largo tiempo de esparcimiento, de comunicación y diálogo. Y todos, de una u otra manera, hemos rememorado tiempos de nuestra vida pasada y nos hemos dado ánimos para seguir adelante siguiendo las huellas de nuestro amado Fundador.

Para la Familia Paulina Mexicana, más que ser una tradición, ya es una cita encontrarse año con año, entorno a la fiesta de nuestro Beato Santiago Alberione para vivir la Jornada Alberoniana, motivados siempre por el Centro de Espiritualidad Paulina México-Cuba. Este año en sintonía con el Centenario de los Cooperadores Paulinos el tema de estudio, reflexión e inspiración fue “Despierten al mundo con la Luz del Evangelio”.

El Centro de Espiritualidad Paulina, con anticipación preparó y difundió el subsidio “Alberione a los Cooperadores”, el cual contiene la transcripción y traducción de dos meditaciones que el Fundador predicó a esta Asociación. De igual forma lanzó la convocatoria para el Concurso de Canto, obteniendo el 1er Lugar la Cooperadora Paulina Dr. Flora del Carmen Ojeda Ornelas. Se espera en los próximos meses publicar el CD para ponerlo a disposición de la Familia Paulina.

Dicha Jornada Alberioniana se llevó a cabo en varios puntos de la República Mexicana. En Matamoros Tamaulipas, después de 8 años de la presencia de las Pías Discípulas del Divino Maestro, la Jornada Alberoniana en esta zona, siendo así que, junto con los Cooperadores, el 24 de noviembre reflexionaron el tema propuesto. En la Ciudad de México, el día 25, la Familia Paulina celebró dicho evento y la ponencia estuvo a cargo del Lic. Francisco Loera, isga, quien subrayó el paralelismo entre los Institutos Agregados y los Cooperadores; conmovedora y muy animada fue la interpretación en vivo del canto ganador “Despierta a la Luz del Evangelio”, inspirado en las cartas paulinas. El 26 de noviembre, en la Ciudad de Guadalajara, el Hno. Salvador Ramírez, ssp enfocó su conferencia en el Estatuto de los Cooperadores haciendo enlace con la Familia Paulina; por su parte en Aguascalientes el P. Gabriel A. Rendón Medina, ssp enfatizó la importancia de conocer, amar y difundir esta vocación tan importante para el Carisma Paulino.

Durante las Eucaristías celebradas en honor del Beato Santiago Alberione, los Cooperadores de la Familia Paulina renovaron sus promesas.

Sin duda, estos encuentros festivos, creativos, pero sobre todo reflexivos, son valorados por la Familia Paulina porque son una oportunidad para conocer más los tesoros que el Señor nos ha dado y así poder comunicarlos al hombre de hoy en las diferentes expresiones apostólicas.

Beata Maria Clementina Anuarite Nengapeta,
vergine e martire
della RepubblicaDemocratica del Congo

La causa di Beatificazione e Canonizzazione di Anuarite Nengapeta è da sempre legata alla Famiglia Paolina, dato che l’Episcopato congolese nominò a suo tempo, e la Congregazione delle Cause dei Santi confermò, come Postulatore don Rosario Esposito. Poi la causa rimase sempre affidata alla Postulazione della Famiglia Paolina. Potremmo dire che la beata Maria Clementina Anuarite Nengapeta è “paolina di adozione”.

In prossimità della sua memoria liturgica, se ne suggerisce la celebrazione nelle nostre comunità. In allegato si offrono i testi per la messa, presi dal comune per una vergine e martire.

Anuarite Nengapeta viene alla luce il 29 dicembre 1939 nella periferia di Wamba (Congo), in una famiglia pagana. In seguito viene battezzata nella Chiesa cattolica insieme alla madre e due sorelle; nella circostanza chiede di assumere il nome di Alfonsina. Entra nella congregazione belga delle Suore della Sacra Famiglia in giovane età, emette la prima professione religiosa nel 1959 e prende il nome di Maria Clementina.

Religiosa trasparente, piena di serenità e di gioia, anche nelle difficoltà, esegue tutto con diligenza e amore. Tre sono gli ideali che coltiva nella sua vita: l’obbedienza, l’umiltà, la preghiera. Desiderando di “non piacere che a Gesù solo” prega molto e con intensità. Nei momenti più difficili scrive: “Signore, eccomi spiritualmente malata. Sono venuta qui a cercare il rimedio per guarire... Non hai forse versato per me il tuo sangue? E anche per gli uomini neri? Rispondimi… Gesù, concedimi la grazia di morire, anche sull’istante, piuttosto che abbandonarti”.

A fine novembre del 1964, nel corso della confusa e sanguinosa lotta congolese per l’indipendenza dai colonizzatori europei, viene presa dai ribelli Simba con altre consorelle e trasportata su di un camion a Isiro, dove nella notte del 1º dicembre viene barbaramente uccisa dopo selvaggi maltrattamenti, per avere energicamente rifiutato di acconsentire alle malvagie richieste del capitano Olombe.

Maria Clementina aveva 25 anni. Ascoltando i testimoni sulle ultime ore della martire, impressiona il senso corale e comunitario del suo martirio.

Dapprima fu Clementina a chiedere e a ricevere l’appoggio delle consorelle: “Sorelle care, bisogna pregare molto. Il nostro spirito è pronto, ma la nostra carne è debole. Per quanto mi riguarda, non rimarrò con voi fino a domani… Sorelle, credo veramente che morirò stanotte”. Arrivarono, infatti, le sollecitazioni perverse di Olombe, al quale Anuarite disse: “Preferisco morire piuttosto che commettere peccato”, cui seguì repentinamente l’azione assassina: egli prese il fucile di un ribelle e cominciò a colpire le religiose col calcio del fucile, accanendosi su Anuarite. Questa, pur con la testa tutta tumefatta, rimase ancora in ginocchio e mentre Olombe insisteva a colpirla, diceva: Ndiyo nilivyotaka. Ndiyo nilivyotaka (Così ho voluto). Prima di cadere per terra, come Gesù sulla croce, perdonò il suo uccisore con queste parole: “Io ti perdono, perché tu non sai quello che fai”.

Morta Clementina, furono le consorelle a resistere vittoriosamente ai persecutori, confortate e fortificate dalla sua testimonianza. Infatti, al sorgere del sole, quando i Simba si accorsero che ogni loro sforzo era stato vano, dissero: “Non abbiamo mai visto delle donne con un cuore duro come il vostro. Sono streghe, non vogliamo più vederle qui a Isiro”.

Maria Clementina fu beatificata a Kinshasa da Giovanni Paolo II, il 15 agosto 1985.

Alcuni suoi pensieri: “All’ora della meditazione bisogna essere felici: è il tempo del riposo e del trattenimento col Signore, proprio come due fidanzati che conversano insieme senza fare caso allo sforzo o alla fatica che fanno… E noi che siamo consacrate, bisogna che pensiamo allo Sposo delle nostre anime, molto più sovente”.

“Non inquietarsi di nulla. Sapere in primo luogo che cosa Dio vuole da me, quando mi comanda qualcosa. Se cerco la mia gioia al di fuori di Gesù solamente, sappi chiaramente, anima mia, che mai potrai trovare consolazione. Gesù, dammi uno spirito di preghiera e di fedeltà, affinché possa osservare le mie regole. Dammi la forza perché non confidi in me stessa col dire: non c’è pericolo. Vergine prudente, che io sia prudente!”.

È passato quasimezzo secolo dal martirio di Maria Clementina, mala situazione socio-politica è cambiata di poco. Nel Nord-est del Paese, al confine tra Congo-Ruanda e Uganda le persone non sanno cosa sia la pace… Nonostante che nella città di Goma e nelle zone circostanti ci sia il maggior numero dei soldati delle Nazioni Unite, tuttavia, decine di persone vengono uccise ogni giorno, anche le donne e i bambini. Le scuole vengono trasformate in caserme, mancano i mezzi essenziali per condurre una vita normale e la paura fa passare tante notti insonni alle famiglie costrette a fuggire per settimane alla ricerca di un riparo sicuro e dignitoso.

La memoria della vergine e martire, molto conosciuta e pregata in Congo, è occasione opportuna per pregare per la Chiesa e per tutto il popolo di questo Paese africano, e in particolare per le comunità paoline e le loro attività apostoliche.


PreghieraMessa

The Pauline Family in Sydney, Australia, came together on Saturday, 25 November, to have a Vigil celebration of the feast of Blessed James Alberione. The principal celebrant of the Mass, which was celebrated in the Chapel of the Society of St Paul, was Fr Vito Fracchiolla, the Vicar General of the Society of St Paul, who is in Australia for a canonical visitation.

In his homily, Fr Vito invited the congregation to reflect on the words spoken by Jesus to Phillip: ‘Have I been with you all this time and you still do not know me?’ These words challenge us as Paulines to consider how well we know Alberione, and how well we reveal and reflect him in our lives.

A celebration followed the Mass, in the form of an Aussie bar-b-que. Summer has now arrived and all present could enjoy the outdoors and the long hours of daylight.

Este 25 de noviembre se llevó a cabo en el Templo San Pablo, calle 170 Bogotá, la celebración eucarística por ocasión de la fiesta litúrgica del beato Santiago Alberione. A la celebración, presidida por el Superior General de los Paulinos, Don Valdir José de Castro, participaran varios miembros de la Familia Paulina, comunidades religiosas y fieles laicos; además contó con la presencia de dos de los Consejeros Generales: P. Celso Godilano y el Hno. Darlei Zanon.

El padre Valdir recordó, en la homilía, la importancia de integrar a nuestro apostolado las diversas expresiones de la comunicación y la necesidad de hacer camino al lado de Jesús como apóstoles, decía, refiriéndose a las frases presentes en las capillas paulinas "Jesús nos dice: Yo estoy con ustedes, pero... ¿estamos nosotros con él?"

La celebración concluyó a eso de las 4:00 pm con un convivio fraterno y la invitación a orar por el XI Capítulo Provincial que se realiza del 26 de noviembre al 01 de diciembre en la ciudad de Medellín - Colombia.

Dal 5 all’11 Novembre 2017, i dieci novizi e i nove juniores, membri delle Comunità internazionali paoline di Albano Laziale e di Ariccia, hanno potuto fare l’esperienza dei luoghi carismatici, una vera immersione nella missione e nella spiritualità paolina.

In ogni luogo visitato, i vari momenti carismatici vissuti dal giovane Alberione sono stati accolti dai giovani “in diretta”: il Seminario, la Cappella della Madre del Buon Consiglio, il Duomo con la Cappella dell’Adorazione… Tutti momenti che hanno portato i giovani visitatori paolini a riflettere e apprezzare il valore della loro chiamata. La Casa natale di Don Alberione, in particolare, nella sua semplicità e povertà, e la Città di Narzole, con tutto l’interesse creato attorno alla figura del beato Timoteo Giaccardo, sono stati i luoghi più graditi per il pellegrinaggio. Senza dimenticare la Casa Madre di Alba, con il suo profondo significato, come evidenzia don Alberione nel 1954: “L’opera di evangelizzazione della Famiglia Paolina qui ebbe la sua “Alba” o principio” (CISP 145).

Non sono mancati i tempi di condivisione fraterna: la Celebrazione eucaristica nel tempio di San Paolo; la visita agli ammalati paolini; la Celebrazione nella Chiesa a Cherasco, dove don Alberione ha celebrato la sua prima santa Messa; la città di Narzole con il Parroco che ha ricordato in modo vivo la figura del beato Timoteo Giaccardo; Mango con la figura del Venerabile Borello; e Benevello con il suo primo fiore profumato di santità, Maggiorino Vigolungo. Non ultimo, la Chiesa del Divin Maestro in Alba; Castagnito, casa della Ven. Tecla Merlo; e Guarene, paese natale di Madre Scolastica.

I vari luoghi e momenti presentati e guidati da don Carlo Recalcati (Alba), don Venanzio Floriano (Cherasco) e don Guido Colombo (Moretta, Narzole), sono stati veramente belli, nuovi e significativi per un’esperienza formativa paolina. Possiamo dire che ogni sosta è stata un tempo prolungato di riflessione, di esperienza paolina, ricordando soprattutto, anche presso il Cimitero di Alba, i primi missionari paolini, fondatori della presenza paolina nel mondo.

In conclusione, il pellegrinaggio paolino sui luoghi alberioniani è stato una grande ricchezza in questo speciale momento formativo che i due gruppi vivono e ha rinnovato e rafforzato la finalità della loro vocazione paolina: “Vivere e dare la mondo Gesù Cristo, Maestro, Via Verità e Vita”.

«E io non ho paura perché seguo te, il Pastore» (Ger 17, 16 Vulg.)

 

Questo versetto del profeta Geremia, tanto caro a don Primo Mazzolari, mi ha accompagnato nei mesi di preparazione immediata alla professione perpetua e mi ha aiutato ad attendere con gioia e fiducia il giorno che il Padre ha preparato per me, il giorno del sì per sempre alla sua chiamata. Nella comunità parrocchiale di San Bartolomeo apostolo in Eboli, dove i miei genitori hanno chiesto per me alla Chiesa il dono della fede, dove per la prima volta ho ricevuto il Corpo di Cristo e dove ho chiesto di ricevere il sigillo dello Spirito Santo, sabato 7 ottobre ho consacrato per sempre la mia vita a quel Pastore che di me si è preso cura, che ha avuto fiducia in me e ora, con la forza dello Spirito Santo mi chiede di essere per tutta la vita segno e strumento della sua compassione in mezzo al popolo che mi affida.

 

 

Leggi Tutto...

 

 

 

 

 

 

Dal 5 al 30 ottobre si è svolto a Roma un mese di approfondimento sul carisma paolino dal tema Vivere la Mistica Paolina sui passi di Alberione e Tecla.

Diciannove Figlie di San Paolo provenienti da sei paesi diversi, si sono ritrovate a Casa San Paolo per intraprendere un ricco itinerario alla riscoperta delle radici e delle fonti del carisma.

Il viaggio, come metafora di formazione e di aggiornamento, ha attraversato gli elementi più significativi della spiritualità paolina ma anche dei testimoni e modelli di vita: l’apostolo Paolo, Giacomo Alberione e Tecla Merlo. Ricche di memorie e emozioni sono state le visite ai luoghi delle origini: Alba, Susa, Castagnito, il Santuario Regina degli Apostoli a Roma, le stanze del Primo Maestro e della Prima Maestra Tecla. Prima di ripartire per le rispettive sedi le partecipanti hanno lasciato questa semplice ma profonda testimonianza: «Camminare sulle orme di chi ci ha preceduto ci ha riempito il cuore di gratitudine, di gioia, di appartenenza e di santo orgoglio per essere Figlie di San Paolo». 

Pág. 11 de 89