Na Casa de Oração das Irmãs Paulinas, na capital paulista, teve início, na noite de 19 de julho de 2018, mais uma etapa do Curso sobre o Carisma da Família Paulina no Brasil, com a presença de vários membros das Congregações e Institutos da Família Paulina, num total de 34 participantes, provenientes de vários Estados do Brasil: 8 clérigos Paulinos (dentre este, dois africanos), 6 Paulinas, 3 Pias Discípulas do Divino Mestre, 9 Pastorinhas, 2 Anunciatinas e 6 Cooperadores Paulinos para o Evangelho, além da Equipe de Coordenação do Curso: Pe. Antonio Francisco da Silva (Paulino), Ir. Luzia M. de Oliveira Sena (Paulina), Ir. Goretti Lima de Medeiros (Discípula do Divino Mestre), Ir. Daniela Vasconcelos (Pastorinha).

O Curso, organizado em três módulos, com duração de dez dias cada, teve início em 2015.  Este é o primeiro módulo da segunda edição do curso que é realizado sempre no mês de julho.

Na manhã do dia 20, Padre Luiz Miguel Duarte, Provincial da Congregação dos Padres e Irmãos Paulinos, presidiu a Missa de abertura do Curso e convidou os participantes a refletir sobre o evangelho do dia, em que Jesus acusa a hipocrisia dos fariseus. A partir disso, destacou três pontos para a meditação: 1) A mania que têm os fariseus de controlar a vida dos outros, preocupam-se em falar mal das pessoas e, por isso, não sobra tempo para amá-las. 2) Por se preocuparem muito em cumprir as leis, tornaram-se insensíveis as necessidades dos outros; não percebiam que Jesus colocava as pessoas no centro e, então, se incomodavam com a misericórdia que tinha Jesus para com as elas. 3) A necessária abertura de coração para que se possa agir a partir da necessidade dos outros e dos sinais dos tempos.

Na sequência, tivemos a primeira exposição-aula do Curso, proferida por Padre Antônio F. da Silva, que nos ajudou a conhecer melhor a vida e o itinerário da causa de beatificação do venerável Majorino Vigolungo, cujo centenário de nascimento celebramos este ano. Em sua abordagem, o assessor destacou as virtudes do jovem aspirante Paulino, seu radical desejo de santidade e sua entrega ao apostolado da “boa imprensa”.

Na manhã e tarde dos dias 21 e 22, o grupo, sob a assessoria da Irmã Suzimara Barbosa de Almeida, pastorinha, refletiu sobre os primeiros anos da história fundacional da Família Paulina (1914-1930). Os participantes tiveram a oportunidade ímpar de se debruçar sobre vários documentos nos quais o padre Alberione, por meio do bispo de Alba, Dom José Francisco Re, solicitava à Sagrada Congregação para os Religiosos a a aprovação das Constituições da Pia Sociedade de São Paulo (1914), expressão da nascente Família Paulina, incluindo também as Filhas de São Paulo (1915) e os Cooperadores Paulinos (1917).

Na manhã do sábado (21) e do domingo (22), o grupo participou da Santa Missa presidida por padre Antônio. Na noite do sábado, os membros do curso sobre o Carisma rezaram as vésperas seguindo a proposta do Ofício Divino das Comunidades e na noite do domingo realizaram um momento muito especial de adoração ao Santíssimo Sacramento.

No decorrer de todo o dia 23, a irmã Joseph Oberto, pddm, apresentou o itinerário de vida e relação com o Carisma Paulino e com o Primeiro Mestre, por parte dos nossos modelos de santidade: Timóteo Giaccardo, Tecla Merlo e Escolástica Rivata. A Irmã Joseph destacou a importância e colaboração do Pe. Giaccardo na formação e missão da Família Paulina e os seus escritos como espelho de seu itinerário vocacional de entrega a Deus pelo apostolado paulino. Sobre a Irmã Tecla, falou da sua história, bem como o caráter colaborativo, não apenas nos inícios da Congregação das Filhas de São Paulo, mas também para os outros ramos feminino da Família Paulina. Da Madre Escolástica Rivata destacou sua relação direta com o Pe. Alberione, bem como sua importância nos inícios das Pias Discípulas do Divino Mestre. Finalizando o dia de trabalhos, a irmã Joseph Oberto contou sua história vocacional, digna de filme, e motivou a todos os participantes no caminho e no entusiasmo para conhecer, profundamente, a nossa história carismática..

No dia seguinte, 24 de julho, o Pe. Ronaldo Mazula, claretiano, apresentou um panorama histórico do contexto eclesial e social do período em que nasceu Tiago Alberione e dos inícios do carisma paulino na Igreja, ou seja, do final do século XIX até os anos 1930. Buscou fazer uma síntese sobre os principais movimentos e eventos que desenharam e marcaram significativamente a sociedade e a Igreja nessa etapa da história. Entusiasmados, os participantes interagiram com perguntas sobre acontecimentos pré e pós-fundação Família Paulina. O religioso deu uma aula de história e de eclesialidade, apresentando o magistério eclesial e a atuação da vida religiosa no processo de renovação eclesial, começado bem antes do Concílio Vaticano I e chegando ao Vaticano II.

A celebração diária da Eucaristia, os vários momentos de partilha e convivência fraterna animam e entusiasmam os participantes do Curso nesses primeiros dias de estudo e aprofundamento do Carisma Paulino.

 

La Famiglia Paolina, con una solenne Eucaristia nel pomeriggio del 29 giugno, ha celebrato nella Cattedrale di Myeongdong di Seoul, la chiusura dell’Anno Centenario di fondazione dell’Unione Cooperatori Paolini.

Il celebrante principale don Whang In-soo, nella sua omelia ha affermato: «Non dimentichiamo che il cuore di Cristo è il cuore di San Paolo apostolo, e il cuore di San Paolo apostolo è il nostro cuore. Perciò camminiamo insieme come apostoli».

Durante la Messa, due Cooperatori hanno condiviso la loro esperienza mentre don Han Ki-cheol, responsabile dei Cooperatori della SSP in Corea, ha commentato: «Non solo i sacerdoti o le religiose ma anche il ruolo dei laici è importante per annunciare le parole di Dio al mondo».

Durante tutto l’Anno Centenario i Cooperatori hanno raccolto fondi per regalare la Bibbia a coloro che ne hanno bisogno.

 

 

 

L’Equipe zonale della Famiglia Paolina presente in Lombardia, nel gennaio scorso si era ritrovata unanime e concorde, sull’esempio di quanto già da diversi anni avviene in altre Regioni, sull’opportunità di organizzare anche sul nostro territorio la “Giornata della Famiglia Paolina della Lombardia”. L’appuntamento era stato fissato per l’ultima domenica di giugno a Milano presso l’Auditorium don Giacomo Alberione nella sede della Periodici San Paolo.

L’evento ha avuto luogo proprio Domenica 24 giugno, solennità della Natività di San Giovanni Battista, in una bellissima giornata di inizio estate. L’organizzazione della “Giornata” era stata affidata in questo primo anno alla Comunità di Milano della Società San Paolo.

La partecipazione delle oltre 80 persone presenti è stata fraterna, partecipe, gioiosa. Una festa di famiglia che si è realizzata quest’anno per la prima volta, ma che tutti hanno chiesto di confermare d’ora in poi come un festoso appuntamento annuale.

La “Giornata” si è aperta verso le ore 10,00 con la celebrazione delle Lodi e, a seguire, con la densa e significativa riflessione suggerita da don Vito Fracchiolla, Vicario generale della Società San Paolo, che ha proposto all’attenzione dei presenti proprio il tema “La Famiglia Paolina oggi”, offrendo una lettura prospettica e ricca di spunti. Il Vicario generale ha presieduto anche la solenne Celebrazione eucaristica, durante la quale il Superiore provinciale, don Eustacchio Imperato ha conferito al chierico Giuseppe Lacerenza il ministero del Lettorato.

La giornata si è conclusa con un festoso pranzo fraterno, momento sempre gradito di scambio, di comunione, di condivisione di vita. L’appuntamento prossimo è già fissato per l’ultima domenica del mese di giugno 2019.

 

Tutta la Famiglia Paolina presente nella città di Buenos Aires, ha partecipato unita alla grande manifestazione di fede in occasione della Solennità del Santissimo Corpo e Sangue di Cristo.

La lunga processione si è conclusa nella Cattedrale di Plaza de Mayo, con la celebrazione dell'Eucaristia presieduta dal Cardinale Mario Aurelio Poli, Arcivescovo Metropolita di Buenos Aires. Per i membri della Famiglia Paolina è stata una opportunità per ringraziare il Signore dei doni ricevuti e nello stesso tempo per dare una testimonianza di comunione.

Un forte momento di adesione alla Chiesa diocesana e un’occasione propizia per manifestare la bellezza della vocazione paolina.

 

Il 29 giugno 2018, Solennità dei Santi Apostoli Pietro e Paolo, abbiamo festeggiato anche quest’anno i Giubilei della Famiglia Paolina.

La Cripta della Parrocchia-Santuario dedicata alla Regina degli Apostoli si è riempita alle 9,30 di una folla di festeggiati provenienti da ogni ramo della Famiglia Paolina, accompagnati da tanti parenti e amici, confratelli e consorelle.

Ha presieduto la Celebrazione eucaristia, iniziata come si consueto nella Sottocripta presso l’urna del Fondatore, don Valdir José de Castro, Superiore Generale della Società San Paolo alla presenza delle Superiore Generali. Per l’occasione concelebravano i Sacerdoti festeggiati e, accanto al Generale, don Eustacchio Imperato, Superiore provinciale della Provincia italiana della Società San Paolo e don Francesco Licinio Galati nel suo 70° di ordinazione sacerdotale. Tra i festeggiati un posto particolare per Fratel Francesco Pietro Rossi nell’80° anniversario di professione.

Abbiamo sentito la presenza di Suor Fiorella Schermidori, Pia Discepola del Divin Maestro, che lo scorso anno aveva celebrato il 50° di professione e che ci ha sempre accompagnato dirigendo il Coro. In questa celebrazione il servizio del canto lo ha guidato Suor Livia Sabatti, Figlia di San Paolo, con un coro di famiglia molto convinto e piacevolmente armonioso.

 

Domenica 24 giugno 2018 a San Lorenzo di Fossano la Famiglia Paolina del Piemonte e Valle d’Aosta ha vissuto l’incontro di famiglia alla Cascina “Le due Peschiere”, ove è nato il beato Giacomo Alberione, un appuntamento che ha radunato circa 200 persone.

Don Antonio Sciortino, nel suo intervento molto profondo, ha svolto il tema: «La categoria “famiglia”, elemento costitutivo del disegno fondazionale».

È stato gradito anche l’intervento del Superiore generale, don Valdir José De Castro, che ha presentato la Lettera annuale inviata ai confratelli di tutto il mondo, sulla terza ruota del carro paolino, dal titolo: «Apostoli e comunicatori per una cultura dell’incontro».

La celebrazione eucaristica, presieduta dal Superiore generale, ha dato incremento alla gioia dell’incontro. Si è conclusa la giornata con un momento di adorazione eucaristica e il canto dei Vespri.

Nos congratula poder informaros de que el sábado, 16 de junio de 2018, en la Provincia de la Sociedad de San Pablo en España se celebró la ordenación diaconal de nuestro hermano el Cl. Omar Delgado. Acompañado por sus padres, un nutrido número de miembros de la Familia Paulina, amigos y colaboradores. Omar, junto a otros seis seminaristas, recibió el orden del diaconado de manos de Mons. Jesús Vidal, obispo auxiliar de la Archidiócesis de Madrid. La solemne celebración tuvo lugar en la Catedral de Nuestra Señora de la Almudena.

En este contexto Mons. Jesús Vidal señaló que «todos nos necesitamos unos a otros, para que la Iglesia muestre en toda su grandeza el misterio de Dios» y «vuestro ministerio, el orden diaconal, nace de la Encarnación y de la Cruz». De esta manera, el prelado animó a los nuevos diáconos a unirse a Cristo y al misterio de la Cruz, porque solo así «los hombres podrán ver en vosotros la imagen de Cristo que no vino a ser servido, sino a servir».

Dirigiéndose a la asamblea, el obispo expresó que la ordenación de los siete diáconos «manifiesta la belleza de la Iglesia» donde todos tenemos un lugar propio. Mons. Jesús Vidal, finalmente, instó a los nuevos ordenados y a toda la comunidad a no dejar nunca de acudir a María, porque  «ella se presenta para todos nosotros como modelo» y «lo es, de forma singular, para vosotros, que vais a ser ahora ordenados».

En este marco de alegría por la ordenación diaconal de Omar, la Sociedad de San Pablo y la Familia Paulina de España festejan con él, su familia y amigos esta nueva etapa en su camino hacia la ordenación sacerdotal.

 

Custodire un sogno è una responsabilità ed è il motivo per cui i membri perpetui Under 60 delle cinque Congregazioni della Famiglia Paolina si sono ritrovati nella casa Divin Maestro di Ariccia dal 1 al 3 giugno per condividere e ravvivare il dono lasciatoci dal beato Don Alberione.

Nel pomeriggio di venerdì 1 giugno l’équipe che ha preparato il meeting ci ha coinvolti con una scheda di lavoro per stimolare il ricordo di quel sogno di Famiglia così vivido nel cuore del giovane Don Giacomo. Ci siamo distribuiti in 4 gruppi di lavoro i cui temi portanti riprendevano le 4 ruote del Carro Paolino.

Sabato 2 giugno la mattinata si è aperta con l’intervento di sr. Angela Napoli, segretaria generale delle suore Pastorelle, la quale ha condotto la lectio sul Salmo 133, lanciandoci una provocazione: l’immagine del balsamo che scende dalla barba di Aronne sulle vesti raffigura il profondo legame fraterno che accomuna la guida della comunità e chi partecipa alla stessa fraternità. I lavori sono proseguiti lungo la giornata e sono confluiti in progetti concreti.

Il frutto di quanto elaborato è stato presentato ai Superiori maggiori delle singole Congregazioni che ci hanno raggiunto ad Ariccia per condividere l’ultima parte del percorso. L’assemblea ha suggerito ai Superiori di coordinare al meglio le varie iniziative apostoliche, provando a mettere attorno ad uno stesso tavolo realtà editoriali e istituzionali nel tentativo di attivare processi virtuosi di collaborazione. A conclusione della mattinata di domenica si è promosso un corso di Esercizi spirituali per tutti i partecipanti del meeting Under 60.

Un grazie particolare va al nostro Governo provinciale per aver creduto in questo progetto ed essere stato presente al completo dall’inizio alla fine.


 

Celebriamo con viva riconoscenza al Maestro divino i giubilei dei nostri fratelli e sorelle della Famiglia Paolina e condividendo la loro gioia e gratitudine vi invitiamo e vi aspettiamo alla Celebrazione Eucaristica.

PDF

 

Domenica 20 maggio 2018, la comunità delle Figlie di San Paolo di Via Antonino Pio a Roma e una nutrita schiera di parenti, si sono stretti attorno a sr Bianca Calenti per festeggiare i suoi 100 anni di vita.

La giornata, iniziata con una solenne Celebrazione Eucaristica di ringraziamento, si è protratta all’insegna della partecipazione e della gioia. Il pranzo, i canti, gli intervalli festosi, la presenza affettuosa dei famigliari e della comunità: tutto ha contribuito a rendere la festa un’occasione di corale gratitudine per questa sorella che ha avuto la fortuna di partecipare allo sviluppo della Congregazione, di conoscere il Fondatore e Maestra Tecla e porta nel cuore tanti bei ricordi.

Sr Dolores Melis, Superiora provinciale, nel rivolgere alla festeggiata gli auguri di tutte le Figlie di San Paolo, le ha rivolto queste parole:

“Grazie, sr Bianca, per questi preziosi e intensi anni di vita paolina! Continua a comunicarci che ciò che conta è rimanere in Gesù e testimoniare il suo amore, prima di tutto con la coerenza di vita. Il Signore ti sostenga con la sua bontà e dolcezza e tu continua ad essere quel piccolo seme che, con l’offerta e la preghiera, contribuisce a fecondare l’azione apostolica delle sorelle del mondo e della nostra Provincia”. Auguri vivissimi!

Page 8 of 89